Thursday, 14 March 2013

Il simbul di Udin, prime part




Il simbul di Udin, prime part

Il simbul di ricognossiment de citât di Udin al è la statue dal agnûl che e è disore dal cjampanil de glesie di Sante Marie di Cjistiel, figurât in bande intune fotografie dal Giando.
Il gno amì fotograf Pauli Brisighelli mi à dite che a promovi l'agnûl a simbul udinês al è stât so von Tilio chal ji veve fât une fotografie aeree cul teleobietîf prime de seconde vuere mondiâl; di cheste fotografie po dopo al veve gjavât fûr une cartuline che e à fat il zîr dal mont. Jessint stade fate la fotografie vie par un dì di biel timp e cul teleobîetif, la sacume dal agnul al è ben a fuc e sfracaiade cuintri des monts; par la cuâl e dâ l'idee che Udin e sedi ai pits des monts.
Dut câs l'Agnul al salte fûr dal skyline udinês e al è un element carateristic de linie che e scompartis cîl e tiare.
Une liende e conte che tal progjet origjinari a vevin intenzion di fâ il cjampanil dal domo plui alt e imponent di come chal si lu viôt cumò e che parsore dal cjampanil al varessin volût logâ une statue de madone par completâ l'anunziazion: l'agnul dal cjistiel al varès anunziât la buine gnove ae madone dal domo. Però lis fondis dal cjiampanil dal domo a no tignivin par la cuâl a deciderin di interompi i lavôrs e la stutue da la madone nol è mai stade metude in vore. Di chest progjet al reste il non dal domo: "Sante Marie anunziade te Metropolitane", e l'agnûl anunziant.
Par agns o ài doprât la figure dal agnûl tai progjets grafics par iniziativis locâi, par esempli par li locandinis de iniziative "Shopping Days" organizade de ASCOM di Udin o par il boletin de parochie dal domo, chal si initole propri "L'Agnûl di Sante Marie di Cjistiel", e cussì o ài vût sen di lei la storie che ur ripuarti, voltade par furlan, de piçule vuide de glesie di Sante Marie di Cjistiel par cure di Bepi Bergamini.

Al è parsore ae cupole dal cjampanil un agûl zirevûl, il ben cognossût "anzelo" chal mostre la direzion dai vints. Bielzà proviodût tal dissen di Zuân di Udin, al fo intaiât dal scultôr furlan Vincenzo Pollame, chal fo pajât par chest tal 1550. Tal 1642 une saete e brusà la statue che e fo restaurade e cuviarte cul plomp tal 1643; tal 1644 Pieri Toni Navarra, architet incargât de nobil famee Bartolini sedi de costruzion dal lôr palaç (cumò sede de Biblioteche Comunâl) tant che da la lôr vile di campagne a Buri, ricevè in plui voltis 90 ducâts par vê:"tirato suso la figura de langiolo et posto in opera su la tore".
Tal dîs di Avrîl dal 1776, come chal si lei tal "Diario Udinese" di Toni Della Forza, "verso le 19, sollevandosi tempo contrario di lampi e tuoni, scoccarono varie saete, una delle quali colpì con folgore la statua dell'angelo, sopra il campanile della chiesa del Castello, la quale essendo di legno coperto di rame, il fuoco s'insinuò nel legno stesso, che tra il giorno stesso e la notte seguente restò tutta incendiata e consunta, benché continuamente piovesse; et per il gran vento altresì che soffiava impetuoso verso del Castello fece della paura il fuoco che là era portato e tenne in confusione ed il ecc.mo rappresentante ed ogn'altro della corte, ma per la buona direzione ed attenzione fu riparato ad ogni pericolo, del quale, lode a Dio, restò in tutto esente [...]. A ciascuno della città ha dispiacciuto l'accidente ed ognuno è pronto a contribuire per farla rifabricare in aiuto della fraterna, che da sè non può incontrare una cotal spesa; e perciò ora si sta facendo da soggetti destinati la colletta di elemosine per il soccorso, desiderando di vederla nuova nel più breve spazio di tempo, lavorata però in altra maniera che non entri legno, aciò non resti esposta a simili disgrazie, che il Signore tenghi anche da noi tutte sempre lontane".
Si deliberà di fâ fâ un gnûf agnûl di metal e a forin incargâts i fradiis Vincenzo e Tiziano Vallani, fondidôrs di Manià che prime a vevin tornât a fâ l'agnûl dal cjampanil di Manià chal fo incendiât di une saete tal 1755 e che tal 1775 a vevin fât chel dal cjampanil di Noiarêt di Cuar (frazion di San Denêl). Dentri di un an la staue e fo finide e prime di jessi logade (tal setembar dal 1777) e fo cuvierte cun l'aur al presit di 175 ducâts in plui che i 300 ducâts pe statue.
Tant che la plui part dai agnûi logâts parsore ai cjampanii furlans (Gallerian, Tumieç, Noiarêt di Cuar, Poç di Codroip) al figure l'agnûl dal Signôr, Gabriêl cul classic zi in man. Ettore Cicuttini al scrivè: "si volge senza posa e, quando indica l'incompiuto campanile del Duomo, sembra voglia cercare la Madonna dell'Annunciazione che pur doveva assidersi lassù, a divina rispondenza".

0 Comments:

Post a comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home